Wakanda Forever, cosa riserva il futuro a Black Panther 2?

1455

Le riprese di Black Panther: Wakanda Forever, con il regista Ryan Coogler che supervisiona quelle che si dice saranno altre quattro settimane di lavoro nel complesso di produzione della Marvel ad Atlanta, sembrano arrivate alla fine prima che il film concluda anche la fotografia.

Black Panther 2

Quest’ultimo film riprende da dove il progetto si è interrotto a novembre, quando si è fermato per una pausa prolungata di quasi due mesi. Si dice che la star Letitia Wright, che interpreta Shuri, la sorella di T’Challa e la brillante innovatrice tecnologica del Wakanda, sia presente e stia lavorando a quest’ultimo giro di riprese dopo l’infortunio.

Leggi anche -> Black Panther 2, riprese fermate a causa delle lesioni sul set di Letitia Wright più gravi di quanto riportato

Tutto questo suona ragionevolmente normale per una produzione a grande budget, eccetto forse per quella pausa festiva più lunga del solito. Ma la storia dietro potrebbe essere o non essere affatto così semplice.

Infatti, Black Panther: Wakanda Forever potrebbe rivelarsi, per una serie di ragioni, il progetto più difficile che i Marvel Studios abbiano mai intrapreso fino ad oggi, sollevando alcune domande interessanti sul futuro del franchise di Black Panther.

Cos’è successo fino a oggi

Come tutto il mondo sa, l’attore Chadwick Boseman, che ha interpretato T’Challa in quattro film dei Marvel Studios – incluso il rivoluzionario e paradigmatico Black Panther del 2018 – è morto di cancro nell’agosto 2020, troppo presto, all’età di 43 anni.

Pur avendo intenzione di andare avanti con quello che allora era conosciuto come Black Panther II, la Marvel ha ufficialmente chiarito che il ruolo di T’Challa non sarebbe stato rimpiazzato e che la sceneggiatura, oltre che la narrazione del sequel Wakanda Forever, sarebbero state riallineate di conseguenza.

Ad oggi, anche con le riprese quasi completate, nessuno al di fuori della Marvel sa esattamente cosa significhi. Il solito ermetico guscio di silenzio della Marvel è stato stretto saldamente sopra la produzione.

Ma con la Marvel che esclude un nuovo attore per interpretare T’Challa, la maggior parte delle teorie si sono concentrate su qualcun altro che prendesse il testimone di Pantera Nera, la candidata più probabile è Shuri. Sia il personaggio che l’attrice sono stati i favoriti del primo film, e Shuri che indossa la tuta ha dei precedenti nei fumetti.

Come per quasi tutti gli altri film di Hollywood, la produzione di quello che alla fine è stato annunciato come Black Panther: Wakanda Forever, è stata ritardata dalla pandemia di COVID, con le telecamere che hanno finalmente girato nel giugno 2021. Coogler è tornato a dirigere e anche la maggior parte del cast originale è tornato.

però poi la Wright si è infortunata sul set alla fine di agosto, è tornata a casa in Inghilterra per recuperare mentre Coogler ha continuato a girare tutto ciò che non riguardava il personaggio di Shuri. Avendo finito il materiale da girare a novembre, e con la Wright che aveva bisogno di più tempo per guarire da quello che si diceva essere un infortunio più grave di quello inizialmente riportato, la produzione si è fermata.

Black Panther: Wakanda Forever Letitia Wright

Il caso Letitia Wright

Non era la prima volta che la Wright riportava notizie su infortuni o questioni mediche negli ultimi due anni.

Nel dicembre 2020, ha pubblicato un video su Twitter che metteva in discussione la scienza e la sicurezza dei vaccini COVID, preparati per la distribuzione di massa all’inizio del 2021, così come i vaccini in generale.

Anche se in seguito ha eliminato il video, la Wright ha respinto altri utenti di Twitter che l’hanno accusata di essere un no-vax, dichiarando che non stava dicendo alle persone di non farsi vaccinare, ma che nel video “ha sollevato le sue preoccupazioni su ciò che il vaccino contiene e ciò che stiamo mettendo nei nostri corpi”.

Secondo l’Hollywood Reporter, la Wright si è separata dai suoi rappresentanti statunitensi in seguito al contraccolpo del video, mentre avrebbe continuato a esprimere opinioni no-vax sul set di Wakanda Forever.

Dopo essere tornata a casa per riprendersi dall’infortunio, e con la chiusura delle riprese negli ultimi mesi del 2021, la Marvel ha inviato una nota a tutte le persone coinvolte nella produzione, dicendo, “Quello che inizialmente avevamo pensato fossero lesioni minori si è rivelato essere molto più serio, con Letitia che ha subito una frattura critica alla spalla e una commozione cerebrale con gravi effetti collaterali. È stato un processo doloroso e Letitia è stata a casa a riprendersi con i suoi medici e il sostegno della famiglia”.

Ma verso il periodo delle vacanze sono cominciate a circolare voci che la Wright non sarebbe tornata affatto – non a causa delle sue ferite, ma perché si è rifiutata di farsi vaccinare, un requisito per rientrare negli Stati Uniti e per lavorare su un set Disney.

Ma l’Hollywood Reporter ha confermato la settimana scorsa che la Wright sarebbe stata sul set delle riprese, aggiungendo che qualsiasi problema riguardante il suo stato di vaccinazione “era stato risolto”.

THR ha anche menzionato, tuttavia, che non era “chiaro” se lo “status elevato” della Wright nel nuovo film – in cui è stata promossa ad un ruolo principale – “continuerà oltre questo sequel”.

Chi sarà la nuova Pantera Nera in Wakanda Forever e oltre?

A parte le sue ferite (e ci auguriamo sinceramente che sia sana e salva), Letitia Wright diventerà la nuova Pantera Nera, ora o in futuro?

Se – e questo è un grande “se” non confermato e totalmente ipotetico – qualsiasi esitazione da parte sua a farsi vaccinare ha ulteriormente ritardato la produzione di Wakanda Forever, è difficile immaginare che la Disney voglia continuare a lavorare con lei dopo questo.

La questione no-vax sarà già un grosso grattacapo per lo studio quando si tratterà di un press tour per il film, ammesso che lei partecipi.

Potrebbe comunque diventare la Pantera Nera almeno per questo film. Oppure Coogler e la Marvel potrebbero aver dovuto fare altre riscritture per cambiare il risultato. Né il regista, né lo studio, né la casa madre potrebbero voler avere qualcuno anche solo leggermente associato al pericoloso movimento no-vax andando avanti.

Quindi, se non Shuri, allora chi in Wakanda Forever?

Altre due scelte ovvie sono Okoye e Nakia. Okoye, interpretata da Danai Gurira, è un’altra delle preferite dai fan: il capo della Dora Milaje, responsabile della sicurezza del Wakanda e una forza feroce con cui fare i conti nel suo stesso diritto, Okoye ha le capacità strategiche e fisiche per gestire più che abilmente se stessa nel costume di Black Panther.

Lo stesso vale per Nakia, interpretata da Lupita Nyong’o. Uno dei cani da guerra d’elite di T’Challa e sua ex amante, il lavoro di Nakia come agente sotto copertura l’ha già inserita nel mondo al di fuori di Wakanda in un modo forse più coinvolgente di Shuri o Okoye.

Come Okoye, Nakia è una guerriera abile e pericolosa, abbastanza capace di diventare la Pantera. È stata anche quella che ha spinto T’Challa a impegnarsi con il mondo esterno, a promuovere obiettivi umanitari globali, e fondamentalmente ad adottare il nuovo atteggiamento che ha assunto alla fine del primo film.

Poi c’è M’Baku, interpretato da Winston Duke. Un’altra scoperta del primo film, il capo della tribù Jabari ha sfidato T’Challa per il diritto di essere la Pantera Nera nelle scene iniziale del primo film, partendo come un antagonista e rivale, alla fine diventando un prezioso e fidato alleato in Avengers: Infinity War.

Chiaramente M’Baku si sentiva in grado di gestire il ruolo di Pantera Nera – quindi farà valere le sue ragioni questa volta per reclamarlo di nuovo?

È interessante notare che, nel suo rapporto sul ritorno di Wright sul set e sulla ripresa delle riprese, THR ha notato che Winston Duke ha “negoziato un cospicuo aumento per il suo ritorno in Pantera Nera a causa di quello che viene descritto come un ruolo ampliato nel mythos di Pantera”.

La questione di T’Challa

Ecco un’idea completamente fuori dagli schemi: con il MCU che ora esplora pienamente le ramificazioni del multiverso, cosa succederebbe se un altro attore entrasse sul set di Wakanda Forever dicendo di essere T’Challa – un T’Challa di un altro universo?

Ok, questo è forse un po’ troppo esagerato. Ma dopo che i fan hanno inizialmente accolto il divieto della Marvel che il ruolo di T’Challa sarebbe stato inaccessibile dopo la morte di Boseman, l’opinione ha iniziato gradualmente a oscillare nell’altra direzione.

Il dolore mondiale per la morte di Boseman, combinato con l’immensa presenza e identità che ha portato al ruolo di T’Challa, sono forse i due fattori maggiormente dominanti nella rispettosa decisione della Marvel di non rimpiazzare la parte. Ma così facendo, la compagnia potrebbe anche essersi messa all’angolo dal punto di vista narrativo.

Con l’uscita di Iron Man, Capitan America e Black Widow dal MCU, T’Challa era senza dubbio destinato ad essere uno dei personaggi principali della Fase 4 e oltre, se non anche il leader di un nuovo gruppo di Avengers. Ma i tristi eventi del mondo reale hanno cambiato le cose.

In un tempo relativamente breve, Boseman era diventato fortemente legato a T’Challa come Robert Downey Jr. lo era a Tony Stark o Chris Evans a Steve Rogers.

Ma la Marvel ha già reclutato altre persone in precedenza, in particolare Hulk e War Machine. Avrebbero potuto fare lo stesso con T’Challa, dopo un rispettoso intervallo?

Non c’è certamente carenza di attori neri di talento per riempire il ruolo, tra cui (ma non solo) Yahya Abdul-Mateen II, John David Washington, Kingsley Ben-Adir, Aldis Hodge (anche se ha appena iniziato come Hawkman nell’Universo DC), Isaiah Mustafa e molti altri.

Non sappiamo quale sia la risposta giusta in questa situazione. Per molti fan, si tratta di onorare la memoria di Boseman, di cui purtroppo non conosceremo mai la volontà.

Per altri, togliere il personaggio di T’Challa dal gioco non solo priva il MCU di uno dei suoi più grandi eroi, ma priva la cultura nera di una delle sue più vitali e massicce icone della cultura pop. Non in assoluto una soluzione facile.