Obi-Wan Kenobi, il finale di stagione non è all’altezza delle aspettative. Recensione episodio 6 

249

Obi-Wan Kenobi ha faticato a giustificare la sua esistenza e il finale dello show di Star Wars non è stato all’altezza del potenziale mostrato negli episodi precedenti.

Obi-Wan Kenobi

Obi-Wan Kenobi aveva molto da offrire. L’annuncio del ritorno di Ewan McGregor e Hayden Christensen nell’universo di Guerre Stellari è stato accolto con grande clamore e ha dato il via a una rivalutazione della trilogia prequel, un tempo osteggiata.

L’esplorazione degli anni tra La vendetta dei Sith e Una nuova speranza ha cercato di aggiungere strati a una storia che, a distanza di quattro decenni, è un territorio ben noto e, per la maggior parte, ci è riuscita.

Il rapporto tra Leia e Obi-Wan, il senso di colpa che l’ex maestro Jedi prova per il passaggio del suo padawan al Lato Oscuro e la nascente ribellione sono stati tutti abilmente esplorati, ma l’ombra di una rivincita molto attesa incombeva sul tutto. Mentre Obi-Wan Kenobi ha lottato per giustificare la sua esistenza, il suo finale è rimasto al di sotto del potenziale mostrato negli episodi precedenti.

L’episodio 6 ci porta alla tanto attesa rivincita tra Obi-Wan e Anakin: il Jedi distoglie il Signore dei Sith dal seguire i ribelli e lo trascina in un combattimento in solitaria. Nel frattempo, Reva, dopo essere sopravvissuta alle ferite riportate nell’episodio 5, si dirige a Tatooine per uccidere Luke Skywalker e, grazie all’avvertimento di un abitante del luogo, lo zio Ben e Beru si preparano a contrastare la Terza Sorella.

Obi-Wan Kenobi

Il ritorno di McGregor nei panni di Obi-Wan è stato pieno di alti e bassi, dato che lo show di Star Wars ha lottato per bilanciare il fan service e allo stesso tempo spingere il franchise in nuove direzioni durante i suoi sei episodi. Forse era difficile chiedere questo a uno show che risiedeva in un territorio già battuto, ma ci sono stati scorci di crescita nel corso della serie.

Da Obi-Wan che fa i conti con il passato e il suo dolore per non essere riuscito a proteggere Anakin (e molti altri Jedi persi nell’Ordine 66) ai Jedi alle prese con un futuro che prevede ancora più conflitti, Obi-Wan Kenobi non avrebbe mai dato risposte facili alle domande al centro della serie.

Una di queste risposte doveva essere una ragione legittima per cui sia Obi-Wan che Fener sono rimasti vivi dopo il loro duello culminante prima di Una nuova speranza. Purtroppo, Obi-Wan Kenobi fatica a dare delle spiegazioni. Al di là del legame emotivo del Jedi con il suo ex Padawan, lo show di Star Wars non chiarisce mai perché Obi-Wan avrebbe lasciato che Vader continuasse a terrorizzare la galassia, al di là del fatto che questo è ciò che è già accaduto nella storia.

Obi-Wan Kenobi

È anche difficile per lo show essere all’altezza di uno dei più grandi duelli del franchise di tutti i tempi: la battaglia con la spada laser tra Obi-Wan e Anakin su Mustafar ne La vendetta dei Sith. Obi-Wan Kenobi ci prova e la battaglia tra i due è di dimensioni monumentali.

Guardare due titani della Forza testa a testa suscita sentimenti di meraviglia in qualsiasi fan, occasionale o accanito, e vedere Obi-Wan che abbraccia pienamente i suoi poteri dopo aver lottato per i primi cinque episodi è uno spettacolo da vedere.

Quando i due si scambiano finalmente una parola, il peso di anni di risentimento e amicizia viene a galla. Tuttavia, nonostante l’emozione intrinseca, si ha la sensazione che manchi qualcosa nel confronto finale, un tema ricorrente in gran parte di questo finale.

Su Tatooine, Reva arriva per vendicarsi di un giovane Luke Skywalker. Avvertiti in anticipo, zio Owen e Beru si preparano all’arrivo della Terza Sorella nella fattoria, rifiutandosi di abbandonare la loro casa. Reva, che, nonostante le critiche infondate, è uno dei personaggi più interessanti di Obi-Wan Kenobi, cerca di vendicarsi di Obi-Wan attraverso Luke.

Perché Luke dovrebbe ricevere la protezione di Obi-Wan quando lei è stata costretta a vedere numerosi giovani massacrati per mano dell’Impero? Questa domanda non trova risposta, ma il pubblico riesce a sbirciare più a fondo nella mente di Reva e la porta viene lasciata aperta per il ritorno dell’Inquisitore caduto in disgrazia a un certo punto della storia.

Obi-Wan Kenobi

Per certi versi, l’arrivo di Reva su Tatooine è più emozionante della battaglia tra Vader e Obi-Wan. La domanda su cosa vedrà Luke e su come potrebbe influenzarlo rimane in sospeso durante l’attacco notturno.
Naturalmente, non sarebbe un finale di Star Wars senza vedere uno o due volti familiari apparire nei minuti finali. Anche Obi-Wan che pronuncia le ormai classiche parole “Salve tu” colpirà molti.

Sebbene Obi-Wan Kenobi sia stato presentato come una miniserie, è chiaro che si lascia la porta aperta a una seconda stagione, cosa che McGregor e molti altri hanno dichiarato di essere disposti a fare. In definitiva, però, una seconda stagione di Obi-Wan Kenobi sarebbe un errore.

Obi-Wan Kenobi

Se non altro, la serie di sei episodi dimostra che il franchise ha ottenuto quasi tutto il possibile dal personaggio di McGregor e, sebbene non si debbano escludere future apparizioni, un’altra serie di sei ore sarebbe uno spreco e potrebbe rischiare di compromettere tutto il lavoro svolto per rendere Obi-Wan un personaggio a tutto tondo.

Con tutti i suoi difetti, Obi-Wan Kenobi è ancora una serie ben realizzata e ha fornito abbastanza emozioni e climax emotivi da soddisfare abbastanza. Forse non ha fatto molto per espandere ciò che non si sapeva già di Star Wars, ma la sua storia è stata un esame riflessivo, anche se non uniforme, del dolore e del trauma persistenti lasciati dalla trilogia prequel.

Rimane comunque una domanda dopo la conclusione di Obi-Wan Kenobi: con uno spazio fantascientifico grande come Star Wars, perché il franchise sceglie di raccontare sempre le stesse storie?

Il futuro della saga sembra certamente andare nella giusta direzione con serie come The Acolyte e Skeleton Crew, ma Obi-Wan Kenobi dimostra che Star Wars è ancora aggrappato al passato perché ha paura di ciò che potrebbe riservare il futuro.