Pippo Baudo: a quanto ammonta la sua pensione? La cifra è da svenimento

2625

Assente dalle scene da un po’, al di là di qualche semplice presenza,  immaginiamo Pippo Baudo godersi la sua meritata “pensione”. Ma quanto percepisce davvero il conduttore siciliano?

Pippo Baudo

Pippo Baudo è uno dei presentatori che ha letteralmente fatto la storia della televisione italiana, segnandone le tappe e l’evoluzione.

L’Italia non è un paese per giovani, costretti a stipendi stringati e ad una corsa al lavoro che, fisso e stabile, lo è per pochi. Ma non è un paese nemmeno per coloro che, dopo una vita lunga fatta di lavoro e sacrificio, dovrebbero godersi i meritati anni di riposo.

I pensionati. Tra essi, c’è un personaggio in particolare che, tramite un’indiscrezione che ha svelato questo dettaglio, guadagna una cifra a dir poco assurda.

Il Pippo Baudo nazionale

Si tratta di Pippo Baudo, storico conduttore del grande schermo che ha rivoluzionato il modo di fare televisione, assiduo cacciatore di talenti, showman ed eterna presenza sanremese degli anni passati. Giuseppe Raimondo Vittorio Baudo, questo il nome completo del Pippo, esordisce nei primi Sessanta, nonostante una laurea in Giurisprudenza conseguita presso l’Università degli Studi di Catania.

Cavalca e attraversa i palcoscenici di numerosi programmi come Settevoci, Canzonissima, Domenica in, Fantastico, Serata d’onore, Novecento e il già citato Festival di Sanremo. Pippo, del Festival della canzone italiana, ha il primato delle conduzioni: tredici edizioni, suddivise tra il 1968 e il 2008. In ben sette di queste, è stato anche direttore artistico.

Il suo nome accompagna la storia e gli inizi di numerosi cantanti e personaggi televisivi: Giorgia, Mietta, Anna Oxa, Andrea Bocelli, Giuni Russo, Milva, Fabrizio Moro, Lorella Cuccarini, Laura Pausini, Beppe Grillo, Barbara D’Urso, Heather Parisi e tantissimi altri. Un talento nel trovare e scoprire il talento nell’altro.

Una carriera brillante la sua, che non gli ha risparmiato però qualche aspetto più negativo. In una sua dichiarazione, Pippo Baudo ha riferito, infatti, di un difetto estetico di cui, soprattutto fin da giovane, ha sofferto:” Io, stempiato dall’età di 20 anni, mi sono sentito defraudato di qualcosa d’importante. (…) Per me era anche una questione di immagine professionale. Perché, non c’è niente da fare, la pelata in tv invecchia”.

Pippo Baudo: una pensione che lascia pensare…

Pippo Baudo

A proposito della cifra in questione, è Orietta Berti a svelare questa informazione facendo riferimento anche alla propria esperienza personale:” (…) ho versato i contributi per 50 anni, ma, nonostante ciò, mi ritrovo con 900 euro di pensione così come Pippo Baudo.

Quelli dal 1965 a metà anni Ottanta in particolare: in quel periodo, nessuno ti versava i contributi. Era prassi. E ora eccoci qui”.

Come a dire: l’Italia in fin dei conti non è un paese nemmeno per il Pippo nazionale e per la grande Orietta.