Se ti è piaciuto Game of Thrones ecco le serie tv guardare tra un episodio e l’altro di House of the Dragon

156

Per gran parte delle sue otto stagioni, Game of Thrones è stato il più grande show del mondo e uno dei migliori, anche se non sempre insieme.

La serie HBO ha cambiato ciò che era possibile fare in televisione, nessun fantasy aveva mai avuto una produzione così elevata o dialoghi così ben scritti. È ancora l’unica serie paragonabile a Il Signore degli Anelli.

Adesso è tornato sotto forma di prequel con House of the Dragon, uno spin-off davvero simile a Game of Thrones da usare persino lo stesso motivo musicale. Se state cercando qualcosa di troniano da guardare tra un episodio e l’altro di House of the Dragon, siete nel posto giusto. O se non siete sicuri di voler guardare House of the Dragon e avete bisogno di essere convinti, possiamo aiutarvi anche in questo. Continuate a leggere le nostre scelte.

The Serpent Queen

Game of Thrones è influenzato dalla vera storia europea, e il dramma storico The Serpent Queen vi farà dire: “Wow, il mondo era davvero come Game of Thrones”. Samantha Morton interpreta Caterina de Medici, che governò la Francia come regina a metà del 1500, soprattutto attraverso i suoi figli.

La biografia e l’atteggiamento spietato di Caterina de Medici l’hanno resa una delle fonti di ispirazione per la Cersei Lannister di Game of Thrones, quindi se guardare Lena Headey sputare veleno è stata una delle vostre scene preferite di Game of Thrones – ed è probabile che lo sia stata, perché Cersei era la definizione di personaggio che si ama e si odia – dovreste dare un’occhiata a questo titolo.

House of the dragon

Se state cercando qualcosa di simile a Game of Thrones, House of the Dragon è quello che fa per voi, ha persino la stessa colonna sonora. La serie prequel è ambientata quasi 200 anni prima di Game of Thrones, ma dal momento che presenta personaggi di famiglie già conosciute che lottano per chi deve sedere sul Trono di Spade, i fan di GoT si sentiranno a casa.

Gli antenati di Daenerys Targaryen (Emilia Clarke), che cavalcano draghi, si ritrovano impegnati in una guerra civile interna alla famiglia per decidere chi succederà a Re Viserys Targaryen (Paddy Considine) che ha nominato sua figlia Rhaenyra (Milly Alcock adolescente, Emma D’Arcy adulta) come sua erede, ma nessuno si aspetta che a Rhaenyra, una donna, sia permesso di governare incontrastata dopo la morte di Viserys.

Ci sono quindi molte manipolazioni politiche, mentre i personaggi cercano di assicurarsi la migliore posizione possibile per se stessi e per le loro famiglie prima che si scateni l’inferno. Come Game of Thrones, si tratta di un dramma storico-politico con draghi e spargimenti di sangue, e per ora sta dando grandi soddisfazioni e siamo a metà.

La ruota del tempo

La serie fantasy epica di Amazon cerca apertamente di essere il prossimo Game of Thrones; lo showrunner Rafe Judkins ha persino dichiarato di aver visitato il set di Game of Thrones per avere consigli ma anche ispirazione.

La Ruota del Tempo è un adattamento di una mastodontica serie di romanzi dell’autore Robert Jordan che ha influenzato George R.R. Martin durante la stesura della serie Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. Parla di un gruppo di quattro giovani che partono per una ricerca intorno al mondo insieme a una donna magica di nome Moraine (Rosamund Pike) e al suo protettore al’Lan Mandragoran (Daniel Henney).

Moraine crede che uno dei quattro sia la reincarnazione del Drago, un potente mago che si profetizza possa salvare il mondo o distruggerlo. Questa premessa relativamente semplice la rende accessibile anche agli spettatori che non sono appassionati di high fantasy, che è stata la chiave del successo iniziale di Game of Thrones.

Partendo da questa premessa, costruisce un mondo fantastico fatto di mostri orrendi, grandi battaglie e intrighi magici. Inoltre, nel cast c’è un volto familiare di Game of Thrones: Michael McElhatton, che ha interpretato Roose Bolton, l’alfiere degli Stark il cui tradimento ha portato alle Nozze Rosse.

Outlander

A seconda di chi lo chieda, Outlander è la serie più sensuale della TV, oppure è un dramma storico con un tocco di fantascienza. O forse è entrambe le cose! Basato sulla serie di libri di Diana Gabaldon, Outlander ruota attorno a Claire (Caitriona Balfe), un’infermiera della Seconda Guerra Mondiale sposata che, dopo aver viaggiato misteriosamente nel tempo fino al 1743, si innamora di Jamie (Sam Heughan), un giovane guerriero scozzese.

È bene sapere in anticipo che non ha il brivido costante di Game of Thrones (le scene di battaglia sono molto meno costose, per intenderci), ma se cercate qualcosa che vi dia occasionalmente un’accurata lezione di storia e vi coinvolga in una storia d’amore che attraversa i secoli, Outlander è la serie che fa per voi.

Black Sails

In Black Sails si parla di pirati, ma non del tipo simpatico e bevitore di rum dei Pirati dei Caraibi: questi sono pirati violenti. Prequel de L’isola del tesoro, Black Sails è ambientata all’inizio del 1700 e ruota attorno alla vita dissoluta del Capitano Flint (Toby Stephens) a capo di una compagnia di pirati.

Egli assume Long John Silver (Luke Arnold) come membro della sua ciurma e insieme intraprendono una lunga sfida per l’isola di New Providence. Black Sails è stata spesso paragonata a Game of Thrones e, anche se non è un fantasy, ci sono molti elementi di questa serie che i fan riconosceranno e apprezzeranno: l’ambientazione d’epoca, i personaggi eccellenti, la narrazione e la costruzione del mondo coinvolgenti nonché alcune scene di battaglia girate magnificamente.

Spartacus

Se quello che cercate dopo Game of Thrones è solo gente che combatte tra di loro, non guardate altrove: Spartacus è una serie ambientata nell’Impero Romano del 72 a.C. che parla di gladiatori, il che significa che c’è sangue e violenza a volontà.

Questa serie, ambientata nell’Impero Romano del 72 a.C. ha tutto quello che probabilmente state cercando: combattimenti brutali, tradimenti, sesso e nudità (sul serio, quando i personaggi di questa serie non cercano di mutilarsi a vicenda, c’è una buona probabilità che sia perché sono troppo impegnati a fare sess0), e un spettacolo tanto eccitante da guardare quanto assolutamente disgustoso.

I Borgia

Per chi ha preferito Game of Thrones per le sue dinamiche familiari contorte, presentiamo I Borgia. La serie, ambientata nell’Italia dell’epoca rinascimentale, segue la spietata e scandalosa famiglia Borgia, disposta a fare qualsiasi cosa per mantenere il proprio potere.

Quando lo show inizia, Rodrigo (Jeremy Irons) è appena diventato Papa Alessandro VI ricorrendo a strategie nefaste, il che è probabilmente la cosa meno folle che accade nel corso delle tre stagioni. Questa serie ha una buona dose di sangue e violenza, ma ciò che la rende più avvincente sono i personaggi e il modo in cui interagiscono tra loro. I Borgia non hanno paura di evitare l’incesto, quindi i fan di Game of Thrones dovrebbero sentirsi a casa.

The Witcher

The Witcher, basato sulla serie di libri di Andrzej Sapkowski, ha come protagonista Henry Cavill nei panni del cacciatore di mostri Geralt di Rivia, un witcher il cui destino è legato alla maga Yennefer (Anya Chalotra) e alla potente principessa Ciri (Freya Allan).

Nel caso non fosse ancora chiaro, si tratta di una serie fantasy, con magia, cavalieri e mostri terrificanti. Si è discusso molto sul fatto che The Witcher stia cercando o meno di assomigliare a Game of Thrones, e i paragoni sono evidenti, ma questa serie non è un tentativo di Netflix di farne una copia carbone. Si tratta di un fantasy molto più aspro e incentrato su un gruppo più ristretto di personaggi, più incentrato sul “compimento del proprio destino”.

I Tudors

La vera attrazione è Natalie Dormer che, qualche anno prima di indossare la riccioluta chioma di Margaery Tyrell, ha interpretato Anna Bolena ne I Tudors. Il dramma storico di Showtime è ambientato durante il mandato di Re Enrico VIII (qui interpretato da Jonathan Rhys Meyers), affrontando tutto ciò che riguarda le sue lotte politiche e le sue numerose mogli, probabilmente l’aspetto per cui è più famoso.

Se conoscete già la storia di Enrico VIII, non c’è molto che vi sorprenderà, ma si tratta comunque di un grande dramma con un cast eccezionale, assolutamente da vedere per chi ha amato le vicende della famiglia reale in Game of Thrones. Un’altra interessante connessione con Game of Thrones è che la quinta moglie di Enrico, Catherine Howard, è interpretata da Tamzin Merchant, che ha vestito i panni di Daenerys Targaryen nel pilot originale di Game of Thrones, mai rilasciato, girato nel periodo in cui lei era impegnata anche in I Tudors.

The Last Kingdom

Ambientato nell’866, The Last Kingdom racconta la storia di Uhtred di Bebbanburg (Alexander Dreymon), un guerriero sassone cresciuto fin dall’infanzia come vichingo dopo che i vichinghi hanno invaso la sua casa. La serie è un ottimo mix di politica, famiglia e guerra, ed è adrenalinica nei modi giusti. Se siete rimasti delusi dalla disordinata discesa di Daenerys nel ruolo del cattivo per eccellenza di Game of Thrones, The Last Kingdom si rifà con il viaggio oscuro di Brida (Emily Cox), che risulta più giustificato grazie al modo in cui lo show lo approfondisce nel corso delle varie stagioni.

Vikings

A proposito di vichinghi, avete mai visto Vikings? Inizialmente basato sulla storia di Ragnar Lothbrok (Travis Fimmel), un contadino vichingo che divenne uno dei più famosi vichinghi della storia, il dramma si basa su eventi reali e in seguito si concentra maggiormente sui suoi figli, tra cui Ivar il Senz’ossa (Alex Høgh) e Bjorn Ironside (Alexander Ludwig).

Come Game of Thrones, Vikings è un’epopea che abbraccia molti anni e si diletta a esplorare le lotte di potere, la caduta dei leader e le politiche familiari. Si tratta del dramma storico che stavate cercando. Soprattutto se vi piacciono le battaglie massicce e di grande impatto una o due volte a stagione.