Home NEWS Sushi e Kit Kat l’accoppiata perfetta

Sushi e Kit Kat l’accoppiata perfetta

CONDIVIDI SU

Sushi, sushi, sushi, sempre sushi… ha rotto un po’ le scatole il sushi… anche se in effetti ha sempre il suo faschino, tanto che nella sua patria, il Giappone, per l’inaugurazione nel nuovo negozio Kit Kat di Ginza a Tokyo, prevista per il 2 febbraio, è stata creata un’edizione limitata della barretta al cioccolato con un packaging ispirato proprio alla pietanza giapponese più famosa del mondo.

Nel paese del Sol Levante amano moltissimo le barrette Kit Kat, tanto che è possibile trovarle in ben 300 varianti di gusto come: wasabi, sake, fiori di ciliegio, patata viola, pepe (sì esatto pepe), pannocchia, rosa, uva, arancia, mela, anguria e moltissimi altri…

E quale modo migliore per celebrare il nuovo store Kit Kat Shop se non omaggiandolo con un remake del cibo tradizionale?

I tre snack richiameranno sia nella forma che nel colore il classico nigiri di tonno, il gunkan con ricci di mare e i tamagoyaki con frittata e riso. Il richiamo è solo visivo, non hanno aggiunto altri tre gusti ai già 300 esistenti… fortunatamente.

Vediamo nel dettaglio come sono fatti:

1Nigiri di Tonno

Una tavoletta ricoperta al lampone e adagiata su una nuvola di riso soffiato al cioccolato bianco.

 

2Gunkan con Ricci di Mare

L’unione perfetta di mascarpone e il pregiato melone Yubari King, tutto avvolto dalla tradizionale alga.

3Tamagoyaki con Frittata e Riso

Gusto pudding alla zucca adagiato sul riso soffiato al cioccolato bianco.

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.

Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l’occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.