Cover_cellulare_Moschino_barbie

È ormai evidente che alla maison Moschino è sempre carnevale, pepe pepepepeee!!
Jeremy Scott ha capito che non basta più osare con la stranezza, le forme irregolari e gli abiti scultura per catturare uno spazio enorme di attenzione nella settimana della moda, il trucco sta tutto nel “far ridere la gente”, nello strumentalizzare icone mondiali e modellarle a suo piacimento, fino a farle sue e, secondo il mio modesto e ignorante parere, ha fatto un’altra volta centro!
A tutti piace mangiare a Mc Donald (anche se molti negheranno per poi andarci di nascosto), ricordiamo la collezione passata con la cover patatine fritte che ormai hanno tutti, come a tutti piace Barbie (anche in questo caso molti negheranno per poi andare a sbirciarci sotto la gonna) ed è proprio la femme fatale dai lunghi capelli biondi la madrina della collezione Moschino primavera/estate 2015.

La settimana scorsa, durante la sfilata, si sono alternate sulla passerella a suon di “Come on Barbie, let’s go party!” modelle vestite nei modi più azzardati, tra tailleur fucsia, scarpe vertiginose in pugna, completini da casa con il rigoroso asciugamano in testa, abiti perfetti per il ballo “notte sotto le stelle”, tutine rosa con pattini old school e outfit da viaggi all’insegna del Think Pink Dream più sfrenato.

Pezzo assoluto della collezione, già richiestissimo è la cover a specchio da principessa, oggetto destinato a diventare un cult, anche solo per il fatto che rappresenti quello che ormai è una realtà, il “selfie” e il cellulare sia il nostro specchietto da borsa, oggetto inseparabile per essere sempre perfetti, come barbie insegna da una vita. Il prezzo è un po’ altino, 51 euro e si trova solo per iPhone 5. In qualsiasi caso, se pensate di non poterne fare a meno, questa cover e gli altri prezzi della limited edition oltre che la collezione, sono già acquistabili sul sito Moschino, se riuscite a trovarne ancora qualcuno.

Moschino cover specchio Barbie - 1

2 COMMENTI

    • Cara Livia, di frustazione evidente qui c’è solo la tua. Immagino non ti sia ancora ben chiara la distinzione tra notiziario e blog. Ti darò una piccola utile consulenza:
      NOTIZIARIO: [der. di notizia]. – La rubrica di notizie e informazioni in un giornale o alla radio o alla televisione; oppure il bollettino, spesso dattilografato o ciclostilato, diramato dalle agenzie di stampa o d’informazioni: leggere, trasmettere il n.; n. economico, sportivo, cinematografico. Anche, titolo di bollettini periodici pubblicati da enti o associazioni varie, o di sezioni di riviste culturali.

      BLOG: ‹blòġ› s. ingl. [accorc. di weblog] (pl. blogs ‹blòġ∫›), usato in ital. al masch. – Diario elettronico, allocato in un sito web e continuamente aggiornabile.

      Sento di doverti dare un’altra dritta importante per una sopravvivenza più civile e umana sul pianeta:
      DIFFAMAZIONE:
      s. f. [dal lat. tardo diffamatio -onis]. – Il fatto, l’opera di diffamare: ricorrere alla d. per mettere in cattiva luce un avversario, un rivale; essere oggetto di una campagna di diffamazione. In partic., sotto l’aspetto giuridico, reato consistente nel recare offesa all’altrui reputazione comunicando a due o più persone, a voce o per iscritto, e fuori della presenza della persona offesa, oppure diffondendo, per mezzo della stampa, notizie di fatti che possano comunque ledere o diminuire la stima morale o intellettuale o professionale che la persona gode nell’ambiente in cui vive: dare querela per diffamazione.

      Concludo infine con una brillante frase da te suggerita:
      È proprio necessario scrivere?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here